Farina sbiancata o non sbiancata

Se pensavi che tutta la farina fosse la stessa, ripensateci. Molte persone sanno che la farina bianca non fa bene alla nostra salute. Tuttavia, la farina sbiancata è ancora peggio. Ad un certo punto nella storia, la farina macinata era sempre non sbiancata. Questa farina vecchia scuola esce in un colore giallo pallido ed è invecchiato per circa 12 settimane. Questo processo di invecchiamento consente lo sviluppo delle proteine ​​e del glutine, il che lo rende migliore per la cottura. Inoltre, durante questo processo, la farina sbianca e diventa più bianca. Naturalmente.

Tuttavia, siamo persone impazienti, vogliamo tutto in questo momento. Così negli 1900 è arrivato uno scienziato che ha inventato un processo che permetteva di sbiancare la farina entro le ore 48, invece di diversi mesi. E così, fu inventato (il processo chimico per) la farina sbiancata.

Farina sbiancata

Quando fu introdotta la farina sbiancata, fu largamente opposta. La dottoressa Wiley era una delle persone che si opponevano. Credeva che gli alimenti possono causare più danni di alcuni farmaci. Portò anche la questione alla corte suprema, anche se governarono a suo favore (non ammettendo sbiancamento o alterazione della farina), non fu mai applicata. La FDA si è formata e l'attenzione si è spostata sui farmaci. La farina sbiancata è sopravvissuta.

Il problema con la farina sbiancata è che durante il processo di sbiancamento viene prodotto un sottoprodotto chiamato alloxan. Alloxan è usato per produrre il diabete negli animali da laboratorio (topi e topi) in modo che possano studiare i trattamenti per il diabete. La FDA consente ancora l'utilizzo di processi chimici senza cibo che produca alloxan. Inoltre, come con tutti i cibi raffinati, un sacco di sostanze nutritive sono persi nel processo. Ci sono troppe sostanze nutritive perse da elencare, ma ecco una piccola parte:

  • La metà degli acidi grassi insaturi benefici
  • Praticamente tutta la vitamina E
  • Cinquanta per cento del calcio
  • Il settanta per cento del fosforo
  • L'ottanta per cento del ferro
  • Il novantotto percento del magnesio
  • Percentuale di vitamina 80 delle vitamine del gruppo B

Alcuni degli agenti sbiancanti utilizzati nel processo di sbiancamento comprendono biossido di cloro, biossido di azoto, cloro, perossido di calcio, azodicarbonammide e perossido di benzoile. Le sostanze nutritive e le vitamine che vengono perse durante questo processo di sbiancamento vengono quindi spesso aggiunte e trasformate in quella che viene chiamata farina "arricchita". Tuttavia, la maggior parte delle sostanze nutritive sono ancora mancanti e in realtà quantità molto ridotte vengono effettivamente sostituite. Questi nutrienti vengono spesso aggiunti insieme agli additivi tossici. Le otturazioni metalliche in ferro sono state trovate in prodotti "arricchiti" e "fortificati".

Farina non sbiancata

Quando guardi l'etichetta della tua farina e non è etichettata come sbiancata o non sbiancata, è sbiancata. Tuttavia, a causa del fatto che le persone iniziano a prestare attenzione e si educano da sole, la richiesta di una buona vecchia farina non candeggiata è aumentata. Se un prodotto è etichettato come "non sbiancato" non è stato sbiancato chimicamente. La farina non sbiancata sta tornando in auge. La farina non candeggiata contiene più sostanze nutritive ed è meglio per la tua salute. Tuttavia, cerca di limitare l'assunzione di farina bianca. Il grano contiene glutine e può contenere spesso pesticidi, ecc. L'USDA ha trovato 16 diversi residui di pesticidi sul grano.

Acquista farina biologica, non sbiancata, non arricchita.

sbiancato vs non sbiancato

fonti:

articles.mercola.com/sites/articles/archive/2009/03/26/The-Little-Known-Secrets-about-Bleached-Flour.aspx

http://en.wikipedia.org/wiki/Flour_bleaching_agent

http://www.whatsonmyfood.org/food.jsp?food=WF

Circa l'autore

Organici

Deliziosa fonte di notizie di tendenza, ricette salutari, video e offerte su prodotti biologici.